Isole Cook, la meraviglia del Pacifico

by Daniela Tinè


Le isole Cook si trovano nel sud dell’Oceano Pacifico, a nord-est della Nuova Zelanda, tra la Polinesia Francese e le Samoa Americane.
Mentre le isole del gruppo settentrionale sono per lo più atolli corallini, le isole meridionali presentano una struttura molto particolare caratterizzata dal “makatea”, un orlo di pietra calcarea che circonda del tutto o in parte un’isola vulcanica.
Il clima è tropicale e temperato, con due stagioni prevalenti: una secca che va da maggio ad ottobre, ed una umida che và da novembre ad aprile, mesi durantw i quali si possono verificare i tifoni. Le temperature nel corso dell’intero anno variano dai 23 ai 29 gradi.
Quando si pensa alle danze polinesiane, vengono subito in mente Tahiti e le Hawai, ma gli abitanti delle Cook hanno una fama di essere i migliori danzatori di tutto il Pacifico, con i loro balli sensuali; negli ultimi 3anni, hanno raggiunto livelli di standard elevati.

Isole Cook

Raratonga è l’isola più grande, viene chiamata dagli abitanti “Raro”, qui si trova l’aeroporto internazionale aperto nel 1974; esso ha saputo dare un grosso contributo per lo sviluppo del turismo. Da qui con dei voli interni della durata di circa 1 ora, si possono raggiungere tutte le altre piccole isole dell’arcipelago.
La seconda isola per grandezza è Aiutaki, sorge su una laguna triangolare, punteggiata da graziosi21 “motu” (piccole isolette); la sua laguna è una meraviglia, è circondata da una barriera corallina lunga 35 km ed è punteggiata da banchi di sabbia.  Il villaggio principale è Arutanga, con una bella chiesetta del 1828 che contiene diversi oggetti intagliati a mano, e vetrate policrome.
La terza isola per grandezza è Atiu, scoperta dal capitano Cook nel 1777. Pare che egli sia approdato sulla Oravaru Beach, una delle poche spiagge dell’isola dove poter passeggiare e prendere il sole. Prima dell’arrivo dei missionari, gli abitanti avevano la terribile fama di essere non solo dei guerrieri, ma anche di praticare abitualmente il cannibalismo.


Lascia un commento