Fiji Island: nella vera isola di Cast Away

by Rossella La Rosa


Mondriki o Monuriki è l’angolo di paradiso in mezzo all’Oceano Pacifico dove puoi sentirti davvero lontano dal resto del mondo, “naufrago di lusso” in una delle 20 perle delle isole Fiji.

È l’isola di Cast Away, il film diretto da Robert Zemeckis che vede protagonista Tom Hanks naufragare su un atollo deserto. Monuriki è davvero disabitata. Qui non si trova nient’altro che spiaggia bianchissima di corallo, iguane e natura selvaggia.

 

Foto scattata da Monu. Con la bassa marea emerge una lingua di sabbia.

Quest’isola di origine vulcanica è lunga 1,15 chilometri per 600 metri di larghezza. È circondata a 360 gradi da una indescrivibile barriera corallina che forma una splendida laguna per lo snorkeling.

Monuriki in realtà è molto meno isolata di quanto si pensi. L’assenza di strutture ricettive l’ha preservata dallo sviluppo turistico. È comunque meta di escursioni dalle isole vicine dell’arcipelago delle Mamanuca a cui appartiene.

Con la bassa marea una lingua di sabbia la collega all’isola di Monu dove si trova un resort di extra lusso. Ed è facilmente raggiungibile da Matamanoa, un’altra delle venti piccole isole appartenenti all’arcipelago delle Fiji. (la foto in Copertina è stata scattata dalla spiaggia di Matamanoa).

Le Mamanuca

L’arcipelago delle Mamanuca è situato a Ovest dell’isola principale delle Fiji, Viti Levu. Il punto di arrivo è Nadi, la capitale, dove si trovano l’aeroporto internazionale e la Marina. Da qui, partono tutte le barche per i trasferimenti verso i circa 20 resort di lusso. Ogni isola nasconde qualcosa che la rende diversa dalle altre.

Fiji – Matamanoa. La laguna

Le isole di Matamanoa e di Malolo sono il paradiso dedicato alle coppie che cercano privacy e relax.

Malololailai è l’isola più turistica, più grande ed attrezzata delle precedenti. Qui si ha la possibilità di praticare numerosi sport acquatici, messi a disposizione dagli hotel.

Beachcomber è circondata da un reef ricchissimo di pesci, coralli e soprattutto di molti squali nutrice.

Tavarua è invece la meta ideale per i surfisti. La sua posizione sul reef esterno a Sud-Ovest assicura onde perfette in qualunque momento dell’anno.

Tutte però hanno in comune sabbia bianca, impalpabile, mare dalle mille sfumature di azzurro, foreste tropicali e una delle barriere coralline tra le più preservate al mondo.

Quando andare alle Fiji

Il periodo migliore dell’anno per visitare le Fiji è l’inverno australe. Sebbene il clima sia più umido, il mare è caldo e le ore di luce sono di più. Ad Agosto, il sole tramonta entro le 17.30. La temperatura raramente supera i 26 gradi, il cielo è spesso striato di nuvole e a volte può piovere per qualche ora. Ma puoi sempre godere appieno la meraviglia di queste isole, soprattutto per i fondali.

Occorrono circa 6 ore di volo da Sydney per sentirsi lontano da tutto ed essere  per qualche giorno naufraghi in Paradiso.  Con +12 ore di fuso sei esattamente dall’altra parte del mondo.

La coloratissima laguna vista dalla sommità dell’isola di Matamanoa.


Lascia un commento