Australia – il Mondo in un’isola

by Rossella La Rosa


L’Australia è la meta ideale per chi sogna spazi sconfinati dai meravigliosi contrasti. E’ un paese affascinante dove stagioni ed ecosistemi differenti coesistono perfettamente.Foreste tropicali, deserti senza fine, montagne erose dai venti, città modernissime e Grandi Barriere Coralline. Tutto questo lo incontri in ogni angolo del Paese.

Lungo le coste meridionali  fioriscono le grandi città del XX sec. con ogni tipo di comfort.  A poche centinaia di chilometri dalle metropoli, nel cuore del Paese avvolto dal polveroso e rosso bush, le tribù aboriginee mantengono a fatica la loro cultura e tradizioni. Il Nord ti avvolge per il suo clima tropicale, le foreste impenetrabili e i fiumi infestati di coccodrilli. L’Ovest (Western Australia) è l’ultima frontiera dove puoi guidare per ore e incontrare nessuno, lasciandoti affascinare da panorami stupefacenti e spiagge sconfinate.

In Australia si ritorna

Proprio per la vastità e per le innumerevoli quantità di meraviglie da visitare e luoghi da scoprire, in Australia bisognerebbe tornare più volte.

Sicuramente esistono dei simboli imprescindibili come la Sacra Montagna nel cuore dell’isola. Uluru, nome aborigeno, è il misterioso monolito che si trova ad Ayers Rock. Sacra appunto per i nativi e simbolo dell’antichissima cultura. Vederlo pian piano “arrossire” durante il tramonto è un’emozione senza eguali.

Simbolo dell’Australia moderna e altra tappa obbligata è ovviamente Sydney con la sua splendida baia dominata dall’Harbor Bridge che unisce la città vecchia a quella nuova. Senza dimenticare l’Opera House che, con le sue splendide “vele” bianche, troneggia sullo sfondo della baia.

E poi non si può non ammirare la Grande Barriera Corallina, l’unico eco-sistema visibile dalla Luna. Si può soggiornare su una delle tante isole o semplicemente fermarsi a Cairns.

Il consiglio è non pretendere di vedere tutto in un unico viaggio, salvo non avere almeno 2 mesi a disposizione. Nell’organizzare un viaggio in Australia è meglio concentrarsi su alcuni Stati, soprattutto a seconda della stagione.

L’Estate Australe è ideale per visitare il Sud (South Australia, Victoria e New South Wales).

I Dodici Apostoli lungo la Great Ocean Road

Le grandi città si popolano di turisti e australiani in vacanza. La Yarra Valley è la culla vinicola australiana. Kangaroo Island offre la possibilità di vedere canguri in libertà, leoni marini che si crogiolano al sole e koala.

Qualche giorno deve essere dedicato a Philip Island. A solo 2 ore da Melbourne, è  l’isola famosa per la sua fauna: uccelli, foche, echidna e soprattutto pinguini.  La capitale dello stato Victoria, città sofisticata e vivace, è il punto di partenza per la Great Ocean Road. Una strada panoramica che regala infinite emozioni. Uno dei punti più suggestivi è sicuramente quello dove si possono vedere i Dodici Apostoli, formazioni rocciose che si stagliano al largo della Costa.

A seconda del tempo a disposizione, è possibile percorrere parte della Golden Coast, nel Queensland meridionale.  Ci si può fermare ad ammirare le evoluzioni dei surfisti, passeggiare a Brisbane e fare un bagno sotto l’occhio vigile dei baywatch. Oppure andare a Fraser Island, la lingua di sabbia più grande del mondo.

Primavera ed Autunno permettono di visitare al meglio il Queensland ed il Northern Territory.

Un volo in idrovolante è d’obbligo per rendersi conto della vastità della Grande Barriera Corallina. Più difficile fare il bagno per la presenza della letale Irukandji, la temibile medusa killer che nuota in queste acque soprattutto tra ottobre e giugno. Per essere più tranquilli, si può soggiornare alle Whitsundays Islands.

A nord di Cairns e Port Douglas è poi possibile addentrarsi, con esperte guide aborigenee, nella foresta pluviale che, invece, in piena estate australiana sarebbe estremamente umida e afosa.

Whitsundays Islands

Si torna per percorrere la Explorer’s Way che da Darwin, la capitale più a Nord, taglia in verticale il Northern Territory e passa per Alice Spings.

Ma questo dopo aver visitato il Kakadu National Park, altro patrimonio dell’Unesco. E’ il cuore della cultura aborigena. Si possono ammirare antichissimi graffiti e pitture rupestri. Cascate e fiumi infestati di coccodrilli.

Non basterà un solo giorno per visitare il cuore australiano. Nel profondo outback oltre al maestoso monolito, Alice Springs ti aspetta per cavalcate tra i canyon del Kata Tuja National Park.

L’Inverno Australe è ideale per un on the road del Western Australia. 

 

Da Perth, città solare e giovane, partono i vari sentieri per visitare i deserti dell’Ovest, come il lunare Pinnacle Desert o le scenografiche sculture rocciose Wave Rock (a circa 350 Km da Perth).  Man mano che si va verso Nord, il clima diventa sempre più mite. La Baia di Shark Bay ha bisogno di alcuni giorni per essere esplorata. I delfini di Monkey Mia, le stromatoliti ed una nuotata con le immense Manta Rei nella superba Barriera Corallina Occidentale sono solo alcune delle cose da non perdere.

Si continua fino a Broome, costeggiando la 80 Miles Beach (la spiaggia infinita) per poi visitare la selvaggia Regione del Kimberly.

Questo è solo un assaggio. L’Australia è un Mondo unico, tutto da scoprire.


6 thoughts on “Australia – il Mondo in un’isola

  1. Ho capito da questo racconto, tra l’altro che ti fa’ sognare, che dovrò starci almeno 3mesi per girarla tutta in lungo ed in largo. Ma vedrò di organizzarmi per bene. Grazie per le informazioni che scriverò nella mia agenda appunti di viaggi.

Lascia un commento