Granada e l’Alhambra

by Daniela Tinè


L’Alhambra è la fortezza rossa arroccata sulla collina che sovrasta Granada e ricopre un’area di circa 140,000m². Un tempo la residenza dei sovrani Musulmani, é ora una delle principali attrazioni turistiche della Spagna. L’Alhambra é composta da tre parti: gli ornati Palacios Nazaríes (per visitare questi vi sará assegnato un orario), l’Alcazaba (gli spalti) e il Generalife (i giardini). I biglietti per l’Alhambra sono validi per l’intero giorno se scegliete l’opzione della visita generale.
Se andate a Granada solo per un giorno é meglio prenotare i biglietti in anticipo su Internet, perché possono esserci lunghe code e potrebbe anche risultare impossibile accedervi.

Alhambra

Il solito percorso attaverso l’Alhambra é lungo 3.5km e ci vogliono tre ore per visitare le tre aree del complesso. C’é un ampio parcheggio e molti ristoranti dove potete acquistare pasti e snack economici.
Invece a conclusione del tour dell’Alhambra fate una rilassante passeggiata tra sentieri, laghetti, fontane, siepi e fiori;  è iI Generalife. Oltre ai giardini, si trova anche la residenza estiva dei governanti arabi, con il bel Patio de la Acequia, dove c’è una fontana ottocentesca, il Palazo e Jardin della Sultana, con un tronco di cipresso di circa 700 anni, dichiarati patrimonio mondiale dall’Unesco nel 1984. Questa antica residenza rurale degli emiri della dinastia nazarí, costruita nella metà del XIII secolo, ha degli ampi giardini ricchi di giochi d’acqua, riflessi di luce, rose, garofani, salici, palme e cipressi che danno vita ad un vero e proprio paradiso terrestre.

Giardini

L’Alcazaba è la zona difensiva dell’Alhambra, dove risiedeva l’esercito, ed è anche la parte più antica del monumento. Mohamed I recintò il castello e innalzò le torri dell’Homenaje, la torre della Quebrada e quella della Vela. Quando i lavori per la costruzione dei palazzi reali vennero terminati e il re si trasferì in essi, la Alcazaba continuò ad avere funzione di fortezza militare.
Anche nella città “bassa”c’è molto da vedere, perché i re cattolici l’hanno costantemente ingrandita ed abbellita con chiese, come la ricchissima Cattedrale di Granada di stili diversi, dal gotico al rinascimento, altro esempio è il palazzo del la Real Chancilleria.


Lascia un commento