Normandia – Le spiagge dello sbarco

by Teresa Torsello


La Normandia è una terra bellissima, ricca di bellezze naturali. Ma le sue spiagge sono anche tristemente famose per gli avvenimenti storici che vi si svolsero nel 1944. Fu in quell’anno che avvenne lo sbarco degli alleati, ma ancora oggi si possono vedere le tracce e i segni lasciati dagli scontri tra le truppe alleate ed i tedeschi in questa zona.
Il nome di questo tratto di costa è Côte de Nacre, che in italiano significa Costa di Madreperla, e le spiagge più famose sono quelle di Sword, Juno, Gold, Omaha, Utah. Un pò più in là, trovate anche la spiaggia di Arromanche, anche questa coinvolta negli eventi che portarono alla liberazione della Francia.
Vedere dal vivo i luoghi che abbiamo visto nei film e hanno visto il sacrificio di tante vite umane è davvero un’esperienza forte, ma che va fatta, considerando l’importanza che essi hanno avuto nella storia recente.

Omaha Beach è senza dubbio la più conosciuta, sal momento che fu proprio qui chegli scontri furono più cruenti. Sulla spiaggia è stato eretto un monumento a ricordo dei caduti. E alle sue spalle ci sono ancora i bunker tesdeschi, e sono ancora evidenti i crateri provocati dalle bombe. E’ proprio qui che sono state girate le scene del film di Spielberg “salvate il Soldato Ryan”.
Sulla spiaggia di Arromanche sono ancora visibili i resti dei porti prefabbricati voluti da Churchill e che servirono a sbarcare materiale bellico subito dopo lo sbarco vero e proprio.
Ma il monumento più suggestivo è senza dubbio il Normandy American Military Cemetery and Memorial, cioè il cimitero di guerra americano, anche qui Spielberg girò alcune scene del suo famoso film. All’ingresso troverete un piccolo museo contenente molti reperti storici, ma la parte più coinvolgente è il cimitero stesso.


Migliaia e migliaia di croci bianche, alcune sormontate dalla stella di Davide per i caduti di fede ebraica: è impossibile restare indifferente a questo spettacolo e a quello che esso rappresenta.
Esiste anche un cimitero tedesco, meno noto, ma che contribuisce a comprendere l’entità della tragedia che si è consumata su queste spiagge.


Lascia un commento