Siem Reap ed il complesso templare di Angkor

by Grazia Squillaci


Siem Reap è una tappa obbligatoria per chi si reca in Cambogia. Essa è infatti ubicata tra le rovine di Angkor ed il lago Tonle Sap. In continua evoluzione già dal XIX sec., quando gli esploratori francesi portarono alla luce gli antichi Templi, oggi è divenuta la meta turistica più famosa della Cambogia. Assai ricca di strutture ricettive atte a rispondere ad ogni tipo di domanda, Siem Reap è capace di stupire anche il viaggiatore  più esigente, proponendo varie forme di svago serale.

Siem Reap ed il complesso templare di Angkor

Con una piacevole passeggiata in remork, dalla città in circa 20 minuti, si raggiungono  i famosissimi Templi di Angkor, meraviglia dell’antica civiltà Khmer.
L’ enorme complesso archeologico si estende per oltre 400 chilometri quadrati ed è Patrimonio dell’UNESCO dal 1992. Perdersi al suo interno è un ‘esperienza unica che fa riaffiorare alla mente le letture di “Lo specchio del cielo” e di “Impronte degli Dei” dello scrittore Graham Hancock. Ma quali templi visitare? Sono tutti belli ed ognuno con delle peculiarità che li contraddistinguono gli uni da gli  altri.

Angkor Wat
Il più grande e maestoso. Circondato da un fossato, esso è composto da cortili, gallerie adornate da splendidi bassorilievi e da cinque torri che sembrano solleticare il cielo. Una meraviglia per la vista e per l’obbiettivo della macchina fotografica.

Bayon
Costruito intorno al XIII secolo come Tempio di stato, il Bayon si trova al centro di Angkor Thom , la grande e ultima città fortificata del regno Khmer. Le 54 torri quadrangolari da cui è composto, raffiguranti volti dal sorriso enigmatico, sembrano dominare la foresta circostante e non solo… Gli sguardi di “pietra”, infatti, sembrano voler controllare tutto e tutti, intimorendo il visitatore.

Ta Prohm
Chi non ha visto il film con Angelina Jolie “Tomb Raider”? Bene è stato girato qui ! Un Tempio a mio avviso spettacolare dove la natura sembra prendere il sopravvento sull’operato dell’uomo. Il tempio e  le sue statue, infatti, sono avvinghiati dalla vegetazione e dalle enormi radici degli alberi come a volerlo far scomparire.

Banteay Srei
Il Banteay Srei, conosciuto anche con il nome di cittadella della donne, è dedicato al Dio Shiva. Costruito in arenaria rossa, è decorato da superbi bassorilievi che lo rendono sicuramente un gioiello d’arte Khmer.

Grazia Squillaci


Lascia un commento