Viaggio in Cambogia: 10 ragioni per farlo

by Pera Fu


Viaggio in Cambogia: Troppo noioso e niente da scoprire???
Due anni fa, la mia amica mi ha chiesto di fare un viaggio in Cambogia e la mia risposta è stata: “Perché? Dai ragazzi, un viaggio in Cambogia sembra essere molto noiosa, troppo vecchia e niente da vedere…” ma ho deciso di partecipare perché era un viaggio con un gruppo di amici stretti, quindi non poteva essere noioso. Adesso, posso dire che “quella è stata esattamente la mia decisione migliore e la più intelligente!”. “Wow” è stata la mia prima parola quando ho visto Angkor Wat e continuavo a ripetere quella parola centinaia di volte! Ma questa non è l’unica cosa che possiede questo paese, seguitemi per scoprire le migliori esperienze imperdibili durante un viaggio in Cambogia!

Contemplare l’alba ad Angkor Wat
C’è una buona ragione per cui così tanti cercano questo sito dell’UNESCO in un viaggio in Cambogia. Osservare le strisce di brina arancio-cupo contro le torri che si stagliano su Angkor Wat è uno spettacolo avvincente che affascina anche i viaggiatori più esperti. Non c’è da meravigliarsi se l’alba ad Angkor è un avvincente inizio di giornata ed è uno sfondo drammatico per una delle meraviglie di viaggio più iconiche del mondo.
Nonostante sia un po’ turistica, l’alba ad Angkor Wat è 100% da non perdere mentre si è a Siem Reap, in Cambogia. Vi consiglio di andarci relativamente presto per trovare un posto che vi piace. Potete pre-organizzare per un tuk tuk e lasciare il vostro albergo intorno alle 4.45 di mattina per darvi il tempo necessario per arrivare all’entrata delle 5 e trovare il vostro posto. Tuttavia, non perdete troppo tempo per lo scatto perfetto altrimente vi dimenticate di godere il momento e l’esperienza!

Esplorare il rinomato complesso di Angkor Wat
Costruito nel 12° secolo, Angkor Wat è ritenuto il complesso di templi più antico e più grande del mondo. Un tempo era la capitale dell’Impero Khmer e il suo contorno frontale è diventato un simbolo nazionale, con la bandiera cambogiana, le etichette della birra e il nome di innumerevoli hotel.
Angkor Wat potrebbe avere la priorità sull’itinerario, ma sarebbe un spreco se i viaggiatori dovessero saltare gli altri templi affascinanti della Cambogia. Non è necessario andare lontano: il Parco archeologico di Angkor ospita numerosi monumenti antichi che possono essere esplorati a vostro piacimento in bicicletta o a piedi. Angkor Thom si trova all’ombra di Angkor Wat e mostra una serie di edifici antichi tra cui il tempio di Bayon, di cui si ritiene che i 200 volti scolpiti in pietra raffigurino il re Jayavarman VII. Ta Prohm potrebbe non essere apprezzato come i suoi “templi fratelli”, ma si rivela comunque un grande successo per i viaggiatori, dopo che le sue non convenzionali radici dell’albero di banyan hanno fatto la loro apparizione nel film Tomb Raider

Le fate di Apsara

Gustare il cibo di strada
La cucina del sud-est asiatico apre i viaggiatori a una gamma completamente nuova di cibo di strada alternativo che i viaggiatori non troverebbero tipicamente sulle bancarelle del mercato. Dalle tarantole fritte e ai serpenti su spiedini, ai grilli di lime e peperoncino, c’è davvero tutto e qualsiasi cosa nel menu tra cui scegliere. Oltre a questi cibi piuttosto di nicchia, i piatti cambogiani usano tipicamente pasta fritta o riso appiccicoso come ingrediente principale, con aggiunta di verdure e carne fritte

Partecipare al progetto Mondulkiri
Le foreste cambogiane sono minacciate come non mai e il popolo indigeno di Bunong che in precedenza faceva affidamento sulla foresta è emarginato. Il progetto Mondulkiri impiega persone di Bunong, insegnando abilità di conservazione e prendendosi cura degli elefanti salvati. Qui camminerai a fianco di cinque elefanti attraverso la giungla e ti unirai a loro per un bagno nella cascata della piscina.
Un tour di due giorni comprende escursioni, una visita alle fattorie di Bunong e un pernottamento nella giungla. Scegli attentamente il tuo operatore elefante, in quanto alcuni non seguono le pratiche etiche.

Museo Nazionale della Cambogia

Essere in barca per visitare il lago Tonle Sap
Tonle Sap è il più grande lago d’acqua dolce nel sud-est asiatico e il lago più importante della Cambogia. Il lago si allarga e cambia in modo sorprendente in ogni stagione. Da novembre a maggio il tempo è secco in Cambogia, Tonle Sap è quasi asciutto mentre nella stagione delle piogge diventa molto più ampio con molti villaggi galleggianti di residenti che vivono lì. Sedersi in barca e visitare il lago Tonle Sap sarà un’opportunità per i visitatori di comprendere meglio la vita delle persone qui.

Godersi la danza delle “fate” di Apsara
Mentre esplorate le reliquie di Angkor, vedrete sicuramente molte incisioni di ballerini di Apsara sulla parete dei templi. La danza Apsara è una delle tradizionali forme d’arte di lunga data in Cambogia, che viene eseguita da donne bellissime e affascinanti. Durante il vostro viaggio in Cambogia, in particolare a Siem Riep, non potete perdervi questa performance unica.

Guidare il veicolo speciale di bambù
Originariamente costruito alla periferia della città di Battambang come mezzo di trasporto per gli abitanti dei villaggi a distanza, il treno di bambù (nori) divenne presto un grande successo per i viaggiatori che passarono attraverso la regione.
Con una piattaforma sopraelevata a base di bambù sollevata a pochi metri da terra e alimentata da un piccolo motore, è probabile che non assomigli a nessun altro veicolo su rotaia che hai incontrato prima – per non parlare del fatto che può raggiungere velocità fino a 30 chilometri all’ora . Non solo è un divertente giro a bordo, ma è un modo alternativo e senza sforzo per ammirare i paesaggi altrimenti invisibili dei quartieri rurali della Cambogia.

Progetto Mondukiri

 

Scoprire il passato Khmer nei musei
La Cambogia è un paese con ricche radici culturali, profondi legami spirituali e una storia complessa. Nel 1953 ottenne l’indipendenza dopo 90 anni di dominio coloniale francese. Eppure, solo due decenni più tardi, subì orribili esecuzioni di massa sotto i Khmer Rossi tra il 1975 e il 1979. Sebbene la Cambogia sia passata come nazione, le vittime del suo passato barbarico sono ricordate da memoriali, musei e nei ricordi delle generazioni più antiche della Cambogia.
Il Museo del genocidio di Tuol Sleng di Phnom Penh rivela il tormento e le estremità sofferte da molti civili innocenti che sono stati ordinati all’ex scuola superiore, trasformati nel carcere di sicurezza 21. Anche nella capitale è il Museo Nazionale della Cambogia. Situato vicino al altrettanto affascinante Palazzo Reale, è difficile saltare la sua esposizione di manufatti e mestieri tradizionali nativi del paese – per non parlare dei suoi meravigliosi giardini.

Rilassarsi all’isola di Koh Rong
Cosa pensate di fare una breve gita in barca a ovest di Krong Preah all’isola di Koh Rong, dove le spiagge ricoperte di zucchero e le acque azzurre accolgono i viaggiatori fuori mano? Dalla scoperta di insenature sabbiose in angoli remoti allo snorkeling per esplorare la vita marina tra le barriere coralline, la bellezza naturale si diffonde in questa isola poco esplorata, sia sulla terra che nelle acque circostanti.
Non c’è davvero modo migliore per finire la vostra avventura di una serata rilassante con cocktail in un bar sulla spiaggia, guardando il tramonto sulle rive coperte di palme di Koh Rong.

Visitare le grotte dei pipistrelli di Battambang al tramonto
Ogni sera alla base del monte Phnom Sampeau, la folla si riunisce in attesa di osservare migliaia di pipistrelli che scappano da una caverna per la loro caccia notturna. Un flusso di nero riempie il cielo, fluttuando sopra la testa in un movimento ad onde sonore, prima di disperdersi sull’orizzonte illuminato dalle stelle. Questo spettacolo sbalorditivo avviene come un orologio alle 5:30 PM ogni sera, 15 km a sud ovest di Battambang.
Tuttavia, le caverne della montagna di Phnom Sampeau osservano una storia oscura, essendo stata usata come luogo dell’esecuzione sotto il dominio dei Khmer Rossi. I cambogiani considerano questi fenomeni naturali come le anime delle vittime che si liberano dall’oscurità.

Palazzo Reale Phnom Penh

Autore: Hinasole


4 thoughts on “Viaggio in Cambogia: 10 ragioni per farlo

  1. La Cambogia è il viaggio che sogno di fare da tanti anni. <3 Ormai ho letto talmente tanti articoli su questo paese che mi pare quasi sia una vecchia "amica di penna", con cui sono in contatto da tanto tempo ma che non ho ancora mai incontrato!
    Non è ancora arrivato il suo turno, ma spero di visitarla molto molto presto. 🙂

  2. Ci sono stata proprio all’inizio di quest’anno … sono entrata in Cambogia via terra dalla Thailandia e me la sono girata tutta in pullma e mini bus. Un viaggio pazzesco pieno di avventura, natura e meraviglia.
    Sono stata in tutti i posti di cui hai parlato più due: 1)il parco nazionale di Kulen dove ho fatto il bagno sotto una grande cascata😊 2) isola meno battuta di Koh Rong…Koh Rong Sanleom: un Paradiso ❤

Lascia un commento