Bodie, la città fantasma

by Teresa Torsello


Bodie è probabilmente la più famosa città fantasma in California e in tutti gli USA. E’ uno “state park”, cioè un parco statale della California, quindi per visitarla dovrete pagare una piccola tassa d’ingresso. E’ situata nei pressi di Lee Vining, sulla strada che conduce a Bridgeport.
Vi raccomando di consultare bene gli orari di apertura e chiusura del parco: infatti i rangers sono abbastanza intransigenti e non vi permetteranno di entrare se arrivate oltre l’orario di chiusura.
La cittadina di Bodie prende il suo nome dal suo fondatore, William Bodey. Questi era un cercatore d’oro che trovò un ricco giacimento nella zona. La notizia della sua scoperta fece subito scalpore; altri cercatori d’oro arrivarono a frotte e si stabilirono nella città. All’apice del suo splendore, intorno al 1880, Bodie contava intorno ai 7000/8000 abitanti. Era dotata di molti servizi essenziali, tra cui la chiesa, la scuola, la casema dei pompieri, la prigione e la stazione di polizia. Ma soprattutto pare che vi fossero moltissimi saloon, dove i minatori trascorrevano le serate bevendo e creando risse. Pare che il numero dei saloon fosse di oltre 65.

 

Si dice che Bodie, all’epoca, godesse di una pessima fama; le risse e gli omicidi erano praticamente all’ordine del giorno. Le forze di polizia faticavano a mantenere l’ordine. E’ leggendaria la storia di una ragazzina, la quale apprese dai genitori che si sarebbero trasferiti a Bodie e nel suo diario scrisse la frase: “Addio, Dio; noi andiamo a Bodie”.

Malgrado gli omicidi e la violenza, la cittadina prosperò per anni. Poi però il filone d’oro comincio ad esaurirsi e a poco a poco gli abitanti cominciarono ad abbandonare la città. Ci fu inoltre uno spaventoso incendio che distrusse buona parte degli edifici. Inoltre, il clima della zona durante gli inverni è davvero molto rigido, e anche questa fu causa del declino di Bodie.
Oggi, potete visitare quello che ne rimane praticamente tutto l’anno; d’inverno però c’è il rischio che la strada sia chiusa per la neve. Ma vi garantisco che è una esperienza emozionante, visto che gli edifici sono esattamente nello stato in cui furono abbandonati.


Lascia un commento