Varadero tra finzione e realtà

by Grazia Squillaci


Varadero , la perla del turismo cubano, si trova a circa 140 chilometri da l’Avana. Per raggiungerla dalla capitale bisogna transitare dalla via blanca, una sorta di autostrada. Il percorso assai lungo e noioso, viene interrotto quando a metà del tragitto si passa da un ponte che attraversa la foce del rio Bacunayagua.
Per poter fare qualche scatto a questo paesaggio trapuntato da palme , occorre fermarsi ad un belvedere, dove, se si vuole, si può gustare un’ottima pina colada. Ripreso il cammino si giunge finalmente a Varadero.
Quest’area, quasi disabitata fino a gli anni 30, (si potevano trovare solo alcune capanne di pescatori e qualche villa), si presenta oggi densamente popolata e costruita a misura di “gitanti “. La cittadina balneare si estende lungo la spiaggia diramando le sue strade verso l’interno.
Quasi tutti gli hotel, sorgono sul lungomare svettando maestosi e ostentando un lusso che poco si addice a “el alma de cuba “. Essi offrono numerose attività di svago che spaziano dalle immersioni sino a gli spettacoli. Famoso, a tal proposito, è il Cabaret Continental, secondo solo al Tropicana de l’Avana.
Nonostante quest’atmosfera chiassosa e vacanziera, però, anche Varadero può offrire dell’altro. A pochi passi dalla zona hotelera, infatti, è possibile cogliere angoli più veri.
Spostandosi di poco, l’aria  rumorosa  svanisce  pian piano, le orde di turisti sembrano essersi improvvisamente dileguate e tutto cambia… Si incontrano abitazioni più modeste, corrose dall’inesorabile scorrere del tempo …

O angoli di pace come ad esempio all’interno del  parco del Retiro Josone, piccolo polmone verde, dove  è possibile colloquiare un po’ con  la gente del luogo intenta a trascorrere qualche momento di relax. La sera, invece, ci si può recare in un chioschetto all’aperto, il ” Calle 62 ” che offre spettacoli di musica dal vivo … ballando in strada , si torna a respirare un po’ della vera Cuba , quella cioè che ti riempie il cuore .

Grazia Squillaci

 

 

 


Lascia un commento