Parco Nazionale del South Luangwa

by Teresa Torsello


Il Parco nazionale del South Luangwa è considerato dagli esperti come uno dei più grandi santuari naturali al mondo. E naturalmente c’è un motivo per questo.
Infatti, la concentrazione di animali nei pressi del fiume Luangwa e le sue splendide lagune, è tra le più elevate di tutto il continente africano.
Il fiume Luangwa è il più intatto sistema fluviale in Africa ed è la linfa vitale di questo parco, il quale si estende su circa 9059 chilometri quadrati.
È il più meridionale dei tre parchi situati nella valle del fiume Luangwa. Gli altri due sono il parco nazionale di North Luangwa e il parco nazionale di Luambe.
Venne istituito nel 1938 come area protetta e dichiarato parco nazionale nel 1972.

Questo parco nazionale ospita una enorme varietà di animali, uccelli ed una vegetazione estremamente rigogliosa e lussureggiante.

L’attività conosciuta come “walking safari” (safari a piedi), che è diventata adesso molto popolare, è nata proprio qui. E ancora adesso è uno dei modi migliori per sperimentare la natura selvaggia dell’Africa in modo diretto.
Il variare delle stagioni aggiunge un fascino mutevole a questo ricchissimo parco; troverete lo spoglio e arido bush d’inverno, mentre d’estate la vegetazione sarà verde e rigogliosa. Per questo motivo non esiste una stagione migliore per visitare il parco, qualunque sia il periodo della vostra vacanza rimarrete soggiogati dalla sua bellezza.

Ci sono 60 diverse specie di animali, l’unico animale che purtroppo non è possibile vedere è il rinoceronte, il quale è stato vittima dei bracconieri fino all’estinzione. Inoltre ci sono oltre 400 diverse specie di uccelli, inclusi 39 uccelli da preda e 47 specie migratorie; insomma una pacchia per tutti gli appassionati di birdwatching, in qualunque stagione!
per quanto riguarda la vegetazione, passeggiando nel parco avrete modo di ammirare vari tipi di alberi e piante. Tra gli alberi più comuni nella valle del Luangwa ci sono i tamarindi, alcuni tipi di baobab e alcune foreste di ebano.


Lascia un commento