Mauritius e i suoi colori

by Daniela Tinè


Non c’è turista che ritorni a casa senza aver visto i colori meravigliosi di Muaritius, le sue terre colorate, le sue cascate, le sue bianche spiagge.
Visitate innanzitutto le celebri Sette Terre Colorate, situate vicino al villaggio di Chamarel. Il nome deriva dal proprietario del terreno su cui si trovano Le Sette terre colorate: Charles de Chazal de Chamarel.
Si trovano sul versante sud-occidentale dell’isola di Mauritius, sembra che un pittore le abbia dipinte, per via della morbidezza delle ondulazioni del terreno e dei suoi meravigliosi colori. Le Terres de couleurs” sono dune di sabbia e roccia, tinteggiate di rosso, marrone, viola, verde, blu, azzurro e giallo, che occupano un’area di circa 7500 metri quadrati e sono circondate dalla vegetazione e da un parco. Una tavolozza di colori di una natura inspiegabile.
Un velo di mistero continua piacevolmente a serpeggiare intorno al fenomeno che presentano: le sabbie di Chamarel hanno la proprietà di avere strati definiti di colore che, seppur mescolati, si ricompongono magicamente, offrendo suggestive striature. La luce del sole, specie al mattino presto e al tramonto, fa il resto, regalando scenari mozzafiato.

Cascate Chamarel

Altra meraviglia della natura sono le cascate: quelle di Chamarel alte più di 100 metri, immerse nel verde; e quelle di Tamarin, con un salto di 300 metri che confluiscono in una meravigliosa piscina naturale di un blu intenso e limpido.
I suoi giardini botanici Pamplemousses che ospitano centinaia di vecchissimi esemplari di ficus e vasche con la sua Victoria Regia Amazonica, una pianta acquatica, ha foglie che possono arrivare a 40cm di diametro, la curiosità è che appena sboccia i fiori sono bianchi, poi nella seconda notte diventano rosa.
Altro paradiso naturale è l’isolotto chiamato L’isola dei Cervi, situato all’interno di una barriera corallina, sulla costa est dell’isola; all’epoca del dominio Olandese, vennero portati sull’isola  i cervi per le battute di caccia, da qui prende il nome l’isolotto. Nel tempo vennero uccisi anche ad uso domestico, così che si estinse.
Le sue spiagge sono tutte di sabbia bianchissima, non stòad elencarle tutte, perché Mauritius vi aspetta…….. e ci potete andare tutto l’anno!


Lascia un commento