Città del Messico

by Teresa Torsello


Città del Messico è la capitale dello stato, una metropoli altamente popolata e tra le più grandi al mondo. Essa è situata su un altopiano a 2250 metri di altezza, cosa che può costituire un piccolo problema se intendete svolgere attività fisica molto intensa. E’ una zona ad alto rischio sismico;  ci sono stati alcuni terremoti di magnitudo molto elevata che hanno distrutto alcuni dei suoi edifici. L’ultimo si è verificato nel 2017.
Le cose da vedere sono molte, poichè è una città molto ricca di storia. I maggiori monumenti sono tutti concentrati nel centro storico, quindi potrete visitarli tranquillamente a piedi senza grossi spostamenti.

La Cattedrale di Città del Messico

Il cuore della città è Plaza de la Constitución, comunemente conosciuta come “Zócalo”; questo perchè nel 1843, nel centro della piazza, venne costruito uno “zocalo” (cioè un basamento) per un monumento commemorativo. Il monumento non è mai stato costruito, ma il nome è rimasto. E’ una delle piazze più grandi al mondo e sorge esattamente sui resti della capitale dell’impero Azteco Tenochtitlán.
Proprio sulla piazza si affacciano i maggiori monumenti di Città del Messico.
A nord potrete ammirare la cattedrale; essa è dedicata all’Assunzione della Vergine Maria ed è la principale chiesa di Città del Messico. Al tempo degli Aztechi, al posto della cattedrale sorgeva un piccolo tempio; nel 1571 venne iniziata la costruzione della attuale cattedrale. Nel corso degli anni, essa fu danneggiata da due incendi e restaurata.
Il Palazzo nazionale è situato ad est; la sua costruzione risale al 1563 ad opera di Cortes e inizialmente era la residenza dei vicerè spagnoli. In seguito è stato un carcere e un tribunale. Oggi è la sede del potere esecutivo federale in Messico. E’ in questo edificio che potrete ammirare gli splendidi murales dell’artista Diego Rivera.

Templo Mayor

Ma il monumento più interessante è sicuramente il Templo Mayor. Era il tempio principale della città di Tenochtitlán ed ha la forma di una piramide. La sua costruzione fu iniziata nel 1337 e completata più di 150 anni dopo. Hernán Cortés, all’epoca della conquista spagnola, ordinò che alcuni sacerdoti venissero bruciati davanti al tempio come ritorsione per l’uccisione di alcuni soldati spagnoli. E infine, nel 1521, il tempio fu quasi del tutto ditrutto dagli invasori.
Infine, non perdetevi un giro a Chapultepec; si tratta di un parco che prende il nome dal monte su cui è situato. Qui troverete un parco giochi, dei musei e uno zoo; ma soprattutto potrete visitare quello che resta degli edifici Aztechi, cioè i bagni di Montezuma e gli acquedotti.


Lascia un commento