La Repubblica Dominicana tra storia e natura

by Grazia Squillaci


La Repubblica Dominicana, seconda Isola del Caribe in ordine di grandezza dopo Cuba, vanta un passato storico di una certa importanza.
Abitata dal 800 A.C. dal popolo Taino, essa venne scoperta da Cristoforo Colombo che qui arrivò con le sue Caravelle, il 5 dicembre del 1492. Nei cinquanta anni di colonizzazione spagnola che ne seguirono, purtroppo, la popolazione indigena venne decimata prevalentemente a causa delle malattie importate dall’Europa.
L’isola, battezzata con il nome di Hispaniola, fu la prima colonia europea del Nuovo Mondo, divenne sin da subito centro culturale di enorme importanza. Nacquero, infatti, le prime istituzioni culturali e sociali, si costruirono palazzi , fortezze e chiese che è possibile ancor oggi ammirare soprattutto a Santo Domingo, la capitale. Dopo varie vicissitudini politiche che videro l’isola passare da colonia spagnola a francese, finalmente, essa ottenne l’indipendenza nel 1865.
La Repubblica Dominicana, conosciuta ai più per le sue lunghe ed assolate spiagge, offre la possibilità di avventurarsi tra le vallate e foreste di cui è ricca.

Jaragua National Park

Numerosi sono i Parchi naturalistici da visitare, che costituiscono il vero tesoro del territorio. Tra tutti degni di nota sono il Parco Nazionale Los Haitises e il Parco Nazionale Jaragua. Il primo, che si trova di fronte a Samanà, offre vedute molto suggestive con le sue enormi rocce che sporgono dal mare e con le tante grotte preistoriche che custodiscono gelosamente antiche pitture e incisioni  rupestri. Il secondo, che sorge nella zona sud dell’Isola, Riserva della Biosfera dal 2002, presenta al suo interno caratteristiche diverse. Da zone aride si passa ad altre umide offrendo così un paesaggio assai vario che va dalle foreste di cactus fino ai querceti.
Importantissime catene montuose sono parte integrante del paesaggio e forniscono attraverso i fiumi acqua dolce all’intero Paese rendendo il terreno estremamente fertile. La più importante è la Cordillera Central dove svetta il freddo Pico Duarte, considerato tra i più alti rilievi dei Caraibi.

Grazia Squillaci


Lascia un commento