L’arcipelago delle Bahamas

by Grazia Squillaci


L’arcipelago delle Bahamas, costituito da circa settecento isole e isolette coralline, di cui abitate solo una trentina, è una destinazione da sogno per chi ama il mare. Scoperto da Cristoforo Colombo durante il suo primo viaggio nelle Americhe, divenne dapprima colonia spagnola e successivamente inglese, fino ad ottenere nel 1973 l’indipendenza.Un arcipelago da sogno per gli amanti delle immersioni  e dello snorkeling , con centinaia di spiagge rosa lambite dalle calde e cristalline acque dell’Oceano Atlantico. Chi lo visita ha la possibilità  di scegliere, in merito ai costi ed al tipo di vacanza, tra varie proposte. Ecco qui di seguito alcune isole diverse l’una dall’altra.

L'arcipelago delle Bahamas

New Providence

L’isola più popolosa dell’arcipelago, ospita un importante aeroporto internazionale dove atterrano la stragrande maggioranza degli aerei provenienti dall’Europa. La capitale Nassau con i suoi bellissimi e variopinti edifici coloniali, insieme a Paradise Island, a cui è collegata da un ponte, ne fanno una destinazione molto nota ai vacanzieri dell’extralusso.

Grand Bahama

Grand Bahama è situata a 88 chilometri circa da Miami a cui è  collegata grazie  un servizio giornaliero di traghetti e da voli di linea e charter. Tappa quasi obbligata per le navi da crociera, offre sistemazioni alberghiere di vario genere: da quelle lussuose e pluristellate fino a quelle abbastanza economiche. Freeport, la capitale, con i suoi tanti negozi duty free e con il Casinò, inoltre, hanno fatto si che l’isola  venga considerata come la seconda destinazione turistica più popolare dell’arcipelago .

Le Abaco

Le più settentrionali delle isole esterne  danno l’opportunità al visitatore, di vivere scorci di vita autentica fuori dal circuito dei tour preconfezionati, dove immergersi nella natura incontaminata. Famose per il Birdwatching  e per la barriera corallina rappresentano un sogno  per gli  gli amanti del diving .

Andros

Con la sua barriera corallina , la terza al mondo per lunghezza, attira un gran numero di visitatori. Dalla rete stradale abbastanza limitata e dalla assenza di vere e proprie industrie essa rappresenta un modo per fuggire dallo stress e dal mondo civilizzato.

Grazia Squillaci

 

 


Lascia un commento