Skeleton Coast, la costa degli scheletri

by Teresa Torsello


La Skeleton Coast è un tratto di costa della Namibia settentrionale. Nel 1973 fu proclamata Parco Nazionale. Il suo nome è abbastanza inquietante, tradotto in italiano significa “costa degli scheletri” e si riferisce alla presenza di moltissimi relitti di imbarcazioni. Ce ne sono oltre un migliaio, giacciono sulla spiaggia e il vento e la sabbia del deserto stanno completando la loro opera di lenta ma inesorabile erosione. Alcune di queste navi sono abbastanza famose, come la Eduard Bohlen, la Otavi e la Dunedin Star.
Questa area si estende per chilometri fino al fiume Orange, ed è estremamente inospitale al punto che in passato i locali la chiamavano “le sabbie dell’Inferno”. E’ molto difficile da raggiungere via terra, a causa delle dune del deserto del Namib; ma soprattutto è difficile da raggiungere dal mare, poiche le correnti sono molto forti e insidiose e le onde molto alte.

Skeleton Coast

I pericoli per la navigazione per le navi che incrociano la Skeleton Coast sono dovuti a due cause principale. La prima sono i banchi di sabbia che si creano nell’acqua ma soprattutto è insidiosa la scarsa visibilità che la nebbia crea, soprattutto nelle prime ore del mattino.
Fino a qualche tempo fa la zona era frequentata solo da pescatori che si accampavano nell’area, si tratta infatti di un tratto di mare molto pescoso e gli appassionati arrivano anche dall’estero.
Ma oggi, la Skeleton Coast è diventata una zttrazione turistica molto rinomata. Percorrerla con un potente fuoristrada è un’esperienza molto particolare; sarete praticamente nel nulla, per chilometri e chilometri sarete solo voi e il deserto e l’oceano. La vista dei relitti e di quello che ne resta vi farà riflettere sulla forza distruttiva di questi elementi naturali.
Per questo motivo è consigliabile portare con voi una tanica di carburante e dell’acqua; è importante guidare con molta prudenza e non superare una certa velocità. E se le condizioni meteo fossero particolarmente avverse, è consigliabile non avventurarsi nel parco e magari rinviare l’escursione.


Lascia un commento